Chi siamo

esosport® nasce nel 2009, da un’idea di Nicolas Meletiou, Managing Director di ESO nonché runner appassionato, durante una telefonata con gli amici Fulvio Massini, preparatore atletico, e Marco Marchei, direttore del mensile Runner’s World, sul tema del corretto smaltimento delle scarpe sportive esauste.

Nel riflettere sulla fine delle scarpe sportive, ormai consumate e stipate negli armadi degli appassionati di sport, Nicolas Meletiou, grazie alla sua esperienza con ESO nel settore del recupero, smaltimento e valorizzazione dei rifiuti speciali da ufficio, ipotizza per la prima volta la possibilità di riciclare le scarpe. Si crea così l’incredibile opportunità di coniugare l’amore per il mondo del running con una consolidata competenza nel mondo dei rifiuti.

La nascita di esosport rientra pienamente nella filosofia dell’azienda madre che opera sin dall’inizio della sua attività con l’obiettivo di minimizzare l’accumulo dei rifiuti in discarica: questa filosofia diventa una vera e propria sfida ecologica, promossa e condivisa dal progetto esosport, un servizio innovativo, primo e unico nel suo genere in Italia e in Europa.

Recycle your shoes, repave your way®

Nel 2017, la passione per lo sport cresce: a causa di un infortunio procurato durante una gara, Nicolas Meletiou si trovò costretto a prendere una pausa dalla corsa e scoprì una nuova passione, la bicicletta. Decise di intraprendere un viaggio su due ruote e, a un certo punto del percorso, bucò. Sostituì la camera d’aria e poi si chiese: “ora dove la butto?”. Decise così di andare in un negozio di biciclette che però non accettò il suo rifiuto, dicendo che non avrebbe saputo come smaltirlo.
Da questa esperienza in cui Nicolas Meletiou sperimentò in prima persona quanto sia difficile smaltire correttamente questo genere di rifiuti, nacque l’idea del servizio esosport bike® pensato per i negozi sportivi con l’obiettivo di supportarli nella gestione e nello smaltimento delle camere d’aria e dei copertoni esausti delle biciclette dei clienti.

Your wheels never stop®

Un negozio sportivo che sceglie di aderire al progetto esosport diventa un GREENSTORE, protagonista e attore diretto di questa visione ecosostenibile dello sport.

nicolas_meletiou_di_rocco

“E’ con piacere che abbiamo concesso il Patrocinio della nostra Federazione al progetto esosport bike – afferma Renato Di Rocco, nella foto insieme a Nicolas Meletiou, Presidente della Federazione Ciclistica Italiana. Siamo convinti della necessità di questa iniziativa finora inesistente in Italia. Il ciclismo è un perfetto vettore di messaggi di sostenibilità ambientale, come quello di esosport bike, che ci auguriamo si diffonda il più rapidamente possibile”.

esosport run ed esosport bike sono due chiari esempi di un nuovo modello di economia, quella circolare, che vede nella filosofia del “ciclo del riciclo” l’unica strada da percorrere per preservare l’ambiente e per fare in modo che i rifiuti possano trasformarsi da scarto a risorsa, riducendo al massimo il loro impatto ambientale.

Il senso di esosport è dare vita a nuovi progetti con il materiale ottenuto dal processo di riciclo di scarpe, copertoni o camere d’aria: la materia prima seconda che si genera dalla lavorazione è utilizzabile per creare pavimentazioni per parchi giochi o come base per realizzare piste d’atletica.
Per dare concretezza e circolarità alla nostra iniziativa, abbiamo dato vita a “Il Giardino di Betty”, un parco giochi per bambini dedicato Elisabetta Salvioni Meletiou, moglie di Nicolas Meletiou scomparsa prematuramente, e a “La Pista di Pietro”, una pista di atletica di 60 mt in ricordo del grande atleta Pietro Mennea, un progetto che vede il coinvolgimento in prima persona della moglie Manuela Olivieri.

La nostra azienda dona gratuitamente alle amministrazioni pubbliche attraverso l’Associazione GOGREEN – onlus la materia prima seconda ottenuta grazie alla raccolta e al successivo riciclo di materiale sportivo. Ad oggi, sono già stati realizzati 10 “Giardini di Betty” in tutta Italia e siamo prossimi alla costruzione della prima “Pista di Pietro”.

Chi sceglie di aderire a esosport non solo sceglie un servizio in grado di risolvere i problemi di gestione dei rifiuti, ma coglie anche l’opportunità per comunicare che, abbracciando una nuova visione ecosostenibile dello sport, si ha a cuore il benessere della società e dell’ambiente.